Il gioco della crisi che non si apre mai

5 Agosto 2019
diaconale5agosto2019.jpg

Si accettano scommesse sulla tenuta del Governo in occasione del voto del Senato sul Decreto sicurezza bis. Il rischio di defezioni da parte dei dissidenti del Movimento Cinque Stelle è inesistente. Se mai si profilasse l’eventualità di una carenza di voti per l’Esecutivo, ci sarebbero sempre alcuni “responsabili” nascosti tra i partiti d’opposizione. Magari attraverso una assenza strategica dall’aula per far scendere il quorum e mettere in sicurezza la compagine governativa.

Insomma, tutto lascia prevedere che il gioco delle polemiche reciproche tra Lega e Cinque Stelle con annesse minacce di crisi destinate sempre a dissolversi, si ripeterà da metà settembre in poi. Ed andrà avanti non solo fino a quando Matteo Salvini continuerà ad incassare consensi tenendo in piedi un governo in cui svolge il ruolo di vero oppositore, ma anche fino a quando i grillini non si renderanno conto che in questo modo si stanno scavando la fossa e la crisi delle opposizioni, Forza Italia e Partito Democratico, non avrà trovato una qualche risoluzione.

Quest’ultimo aspetto sembra marginale per la sorte del Governo ma, in realtà, è tra quelli decisivi. La crisi del Pd, lacerato dal conflitto tra l’area zingarettiana e quella renziana, e quella di Forza Italia, sconquassata dalle lotte intestine di un gruppo dirigente allo sbando, costituiscono la garanzia che le elezioni anticipate non si terranno a tempi brevi. Nessun parlamentare di questi due partiti vuole tagliare il ramo su cui siede prima di avere una qualche certezza sul proprio futuro. E questo consente a Salvini di allungare a piacimento i tempi di una crisi che potrà aprirsi solo nel momento di massima convenienza per il leader leghista.

Più che guardare alle esibizioni danzanti del ministro dell’Interno e fare del moralismo d’accatto ricordando che Aldo Moro andava in spiaggia in doppiopetto e cravatta, bisogna prestare la massima attenzione all’evoluzione delle crisi interne del Pd e di Forza Italia. Da questa evoluzione si saprà se il Paese potrà contare in futuro su una opposizione seria ed autorevole o se è invece condannato a tenersi sul groppone il regime giallo-verde degli inadeguati.