La schizofrenia del medico d’Italia

27 Febbraio 2020
diaconale27febbraio2020-1.jpg

Adesso la parola d’ordine del governo è di minimizzare. Ma questo indirizzo giunge dopo un percorso schizofrenico di comportamenti contraddittori che hanno contribuito pesantemente alla crescita della psicosi collettiva oggi presente nel paese.  Inizialmente il coronavirus è stato sottovalutato trasformandolo in una occasione per rilanciare le accuse di razzismo ad una opposizione che esprimeva le preoccupazioni della popolazione per i pericoli di contagio. Successivamente è stato usato come occasione di promozione e rilancio dell’immagine del Premier senza minimamente calcolare che la sovraesposizione di Giuseppe Conte passato da avvocato del popolo a medico d’Italia avrebbe automaticamente provocato la moltiplicazione della paranoia collettiva. Ora, invece, pare scattata la terza fase. Quella della minimizzazione della vicenda che passa da possibile pandemia di peste postmoderna ad influenza stagionale leggermente potenziata causata da errori di qualche medico dell’Ospedale di Lodi commessi durante il ricovero del primo infetto.

A causare questo precorso schizofrenico da parte delle massime autorità del governo hanno concorso due fattori principali. Il primo è la quarantena internazionale in cui è stato posto il nostro paese a causa della sua autorappresentazione di malato d’Europa. Da Bruxelles Paolo Gentiloni fa sapere che non tutto il male viene per nuocere visto che il coronavirus consentirà di andare un po’ oltre i limiti del bilancio ed aumentare la spesa pubblica senza il timore di penali europee. Ma le parole del commissario europeo non cambiano la circostanza che l’Europa ha isolato l’Italia confermando, come è avvenuto per l’immigrazione, che gli interessi nazionali delle grandi nazioni continentali escludono che i problemi italiani possano essere affrontati in chiave di solidarietà europea.

A questo fattore, che fa temere a Conte di non poter più contare sul puntello della Ue, si aggiunge quello più interno ed incombente della paura che una emergenza troppo sbandierata finisca con il far crescere la necessità di fronteggiarla non con un governo minoritario ma con un governo d’emergenza istituzionale.

Di qui il contrordine di Palazzo Chigi: ridimensionare (per sopravvivere)!