Se Conte si crede Trump

9 Gennaio 2020
diaconale9gennaio2020.jpg

Singolare pretesa quella del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte di convocare a Palazzo Chigi nello stesso giorno i due esponenti che si contendono armi alla mano il controllo della Libia. Conte ha ricevuto in mattinata il generale Haftar ed avrebbe voluto incontrare nel pomeriggio il premier del governo di Tripoli Al Serraj. Ma quest’ultimo, dopo aver saputo che il suo rivale aveva avuto un colloquio di tre ore con il capo del governo italiano, ha fatto marcia indietro ed ha lasciato Conte ad aspettarlo invano per tutto il resto della giornata.

Si è trattato di un incidente diplomatico dovuto ad un eccesso di suscettibilità di Al Serraj? Per carità di patria si può anche adottare questa tesi. Ma se non si ha il timore di prendere atto della realtà, non si può fare a meno di rilevare che quanto è avvenuto è il frutto di un eccesso di presunzione del nostro Presidente del Consiglio.

Se al posto di Conte ci fosse stato Trump è probabile che Al Serraj avrebbe risposto la propria suscettibilità ed avrebbe accettato di buon grado di incontrare il Presidente Usa anche se era stato preceduto dal nemico generale Haftar. Lo stesso sarebbe accaduto se invece di Trump il posto di Conte fosse stato ricoperto dalla  Merkel, da Macron per non parlare di Putin o di Erdogan.

“Giuseppi”, invece, non era altro che “Giuseppi”. Ed il premier tripolino non ha avuto alcuna esitazione a compiere nei suoi confronti uno sgarbo che non si sarebbe mai permesso di compiere nei confronti di un altro Premier di un altro paese.

Questo significa non solo che l’Italia del governo giallorosso non conta nulla nel contesto internazionale ma anche che la credibilità ed affidabilità personale di Conte sono pari allo zero. Sopravvalutato in Italia, il nostro Presidente del Consiglio è invece brutalmente sottovalutato sul terreno estero.

I suoi amici si riconsolano rilevando che “Giuseppi” è sempre meglio di “Giggino” che se lo vai trovare nel suo ufficio della Farnesina non lo trovi perché è evaporato.

Ma se questo è il livello dei governanti che l’Italia può permettersi c’è veramente da disperarsi per il futuro dei paese!